Wine & Food Experience al Relais Santa Croce

Traduci pagina

Wine & Food Experience al Relais Santa Croce
Posted by

Wine & Food Experience al Relais Santa Croce

Fu il Marchese Giovanni Maria Baldinucci, tesoriere del Papa, nel secondo decennio del 1700 a trasformare Palazzo Jacometti Ciofi nel meraviglioso esempio di architettura tardo-barocca che è ancora oggi. Situato nel cuore di Firenze, in via Ghibellina, dalle cui finestre si gode una splendida vista sulla cattedrale di Santa Croce, il palazzo fa oggi parte della catena Baglioni Hotels fondata dal commendator Roberto Polito.

Il Relais Santa Croce di Firenze, associato Relais & Châteaux è tutto questo, ma è soprattutto una esperienza di quelle che non si dimenticano facilmente. Oltre a soggiornare in una delle 24 camere e suite (da ricordare la suite presidenziale De Pepi, la suite reale da Verrazzano e la suite reale Santa Croce), può capitare di sorseggiare un bicchiere di vino ammirando stucchi d’epoca protetti dalle belle arti e mobili antichi. L’occasione è fornita dalla Wine & Food Experience, rassegna itinerante di eventi enogastronomici dell’eccellenza italiana nei Baglioni Hotels, nata per degustare specialità gourmet e vini esclusivi di storiche aziende produttrici italiane.

Il 20 ottobre si è svolta l’unica tappa fiorentina della kermesse enogastronomica con protagonisti i vini di Castellare di Castellina, Rocca di Frassinello Feudi del Pisciotto.

Entrando nel palazzo si è accolti da un ingresso a volte e da una meravigliosa scalinata in pietra serena, giunti al terzo piano si rimane affascinati dalla visione delle storiche capriate di legno create nel XVIII secolo a sorreggere l’enorme lampadario di 3 metri di diametro che illumina e decora la Sala della Musica, salone principale dell’hotel. L’occhio cade subito su bellissimi affreschi del ‘700, mobili d’epoca e curati dettagli di arredamento che portano l’ospite a calarsi nelle calde atmosfere della Firenze del passato rivista in chiave moderna.

Ad accogliere gli ospiti è il direttore generale Daniele Carta, perfetto padrone di casa e gentiluomo d’altri tempi. La musica del pianoforte avvolge la sala e l’ambiente caldo e accogliente.

Appena il tempo di lasciarsi trasportare dall’atmosfera che è già il momento di degustare il primo bicchiere di vino per un aperitivo davvero elegante.

Si parte con un bianco, Vermentino (100% vermentino) di Rocca di Frassinello (Gavorrano, Grosseto), che al naso presenta un delicato sentore floreale con note agrumate che conferiscono al vino notevole freschezza. Al gusto è equilibrato e con una buona componente minerale che lo rende sapido e persistente.

 

IMG_9196

 

Il secondo vino è Governo di Castellare di Castellina (Si), prodotto con il vecchio metodo del Governo, ovvero con l’aggiunta di uva appassita dopo la prima fermentazione e composto da Sangiovese, Malvasia nera, Canaiolo. Dal colore rosso rubino leggero, ha un bouquet floreale, equilibrato, morbido, vivace, beverino, adatto anche per essere consumato fresco di frigo, adatto con zuppe toscane e pasta fresca.

 

IMG_9203

 

Il terzo vino che accompagna l’aperitivo della tappa fiorentina della Wine & Food Experience è un Poggio alla GuardiaVigne Alte di Rocca di Frassinello (40% Merlot, 40% Cabernet Sauvignon, 15% Sangiovese, 5% Syrah) dal colore violaceo intenso con riflessi porpora. Ha una spiccata personalità, un profumo intenso, concentrato e pieno, con note speziate, elegante. E’ frutto di una accurata selezione nelle vigne a ridosso della cantina. Per chi conoscesse l’originario Poggio alla Guardia, differisce da esso proprio per la lieve aggiunta di uve Syrah che gli conferiscono una nota in più di eleganza.

 

IMG_9197

 

Ad accompagnare i vini dell’aperitivo sono stati serviti deliziosi assaggi gourmet a scelta: affettati, formaggi, melanzane e caprino, pappa al pomodoro e altri sfiziosi piatti.

 

IMG_9206

 

 

IMG_9205

 

IMG_9202

 

Terminato l’aperitivo, il maître de maison Daniele Carta invita gli ospiti a sedersi nella sala dove sarà servita la cena. A portare i saluti della famiglia Polito è Rosita Dorigo, food & beverage consultant della della catena Baglioni Hotels.

Andrea Cabib direttore commerciale Domini Castellare di Castellina illustra i vini scelti per la cena.

 

IMG_9208

 

L’antipasto è una “Sella di coniglio in porchetta alle erbe del Chianti con fagioli al fiasco e crostino di fegatini”, piatto che veniva abitualmente preparato durante il periodo di vendemmia dalle famiglie contadine. Ad accompagnarlo un vino siciliano di colore rosso rubino, di notevole personalità, dal profumo intenso e persistente che ricorda il melograno maturo, ottenuto dalla vinificazione in rosso di uve (Nero d’Avola 60% e Frappato 40%), un Cerasuolo di Vittoria, ad oggi l’unica Docg di Sicilia, Feudi del Pisciotto, della collezione vini Grandi stilisti italiani, Giambattista Valli.

.

IMG_9214

Sella di coniglio in porchetta alle erbe del Chianti con fagioli al fiasco e crostino di fegatini

 

Il primo è un gradevolissimo “Risotto allo zafferano di Lastra a Signa con piccione di cortile brasato al vino”, piatto accompagnato da un Ornello, di Rocca di Frassinello (Gavorrano) dal colore rosso rubino intenso, con note balsamiche e di caffè tostato al naso, e al palato di sottobosco e di un tannino morbido e vellutato (40% Sangiovese, 20% Syrah, 20% Cabernet Sauvignon, 20% Merlot).

 

IMG_9218

Risotto allo zafferano di Lastra a Signa con piccione di cortile brasato al vino

 

La Wine & Food Experience prosegue con un perfetto “Peposo alla fornacina con patate montate all’olio e tortino di carciofi”, piatto risalente al sedicesimo secolo, tipico di Impruneta, paese sulle colline fiorentine, che mangiavano i “fornacini”, gli addetti alla cottura dei mattoni nelle fornaci.

Accompagnato da un Rocca di Frassinello dal colore rosso rubino intenso con riflessi granato, forte e intenso, elegante, rotondo in bocca grazie ai tannini morbidi. All’olfatto è fruttato con una speziatura, gusto profondo, vivace e di buon equilibrio.

 

IMG_8719

Peposo alla fornacina con patate montate all’olio e tortino di carciofi

 

Infine per il dessert un carezzevole “Semifreddo ai cantucci di Prato con salsa arancio e zenzero” (rinomato dolce toscano, rivisitato dallo chef, fatto con il biscotto simbolo della Toscana) accompagnato da un vino dolce, un passito, Gewurtztraminer (50%) e Semeillon (50%) di Feudi del Pisciotto anche questo della collezione vini Grandi stilisti italiani firmato Gianfranco Ferré, con note intensamente aromatiche, perfetta acidità, sapori dolci, sentori di frutta secca, miele e rosa.

 

IMG_9226

Semifreddo ai cantucci di Prato con salsa arancio e zenzero

 

Il dessert e i quattro vini serviti nel corso della serata gourmet

Il dessert e i quattro vini serviti nel corso della serata gourmet

 

 

Prossimi appuntamenti con la Wine & Food Experience:

3 novembre         Roma Baglioni Hotel Regina,  Querciabella a Greve in Chianti

9 novembre         Baglioni Hotel Carlton,   J. Hofstatter in Alto Adige

17 novembre       Roma Baglioni Hotel Regina, Podere Poggio Scalette Ruffoli Toscana

27 novembre       Venezia al Baglioni Hotel Luna, Venica & Venica Dolegna del Collio Friuli Venezia Giulia

1 dicembre          Roma Baglioni Hotel Regina, Ricci Cubastro Franciacorta

11 dicembre        Venezia al Baglioni Hotel Luna, Marchesi De’ Frascobaldi Toscana

15 dicembre      Baglioni Hotel Carlton, Ricci Cubastro Franciacorta

 

info serate

 

 

Relais Santa Croce

Il Relais Santa Croce dispone di 2 sale meeting in grado di ospitare fino a 35 persone, complete di ogni genere di attrezzatura. E’ situato a pochi minuti di distanza dai luoghi più interessanti della città, per concedersi una pausa all’insegna dell’arte e della cultura tra una riunione e l’altra. La Sala della Musica, in occasione di riunioni e congressi, può essere allestita per offrire coffee break e rinfreschi.

Bar e ristorante

Al ristorante Guelfi & Ghibellini” si conserva intatta la passione per la cucina toscana, un’antica tradizione che ancora oggi non smette di incantare i palati più esigenti, sempre alla ricerca di nuovi aromi e sapori genuini. La proposta culinaria si distingue per il carattere mediterraneo e la spiccata attenzione alle specialità enogastronomiche toscane, una miscela perfetta tra i sapori della memoria e la riscoperta della cucina del territorio. Lo Chef trae ispirazione dal meraviglioso soffitto affrescato della cucina. Nello stesso edifico del Relais Santa Croce si trova il celebre ristorante Enoteca Pinchiorri3 stelle Michelin, da anni ai vertici dell’offerta gastronomica internazionale per la cucina raffinata ma anche per la sua cantina di vini celebre in tutto il mondo.

Le camere

Affacciate sui tetti di Firenze, sul Duomo o sulla Basilica di Santa Croce, le splendide 24 camere e suite regalano ai propri ospiti comfort di alta qualità e servizi di lusso, con un’elevata cura per i dettagli.

Le suite più grandi e prestigiose, la Suite Presidenziale De Pepi, la Suite Reale da Verrazzano e la Suite Reale Santa Croce, si trovano al piano nobile del Palazzo.

Alti soffitti con affreschi del ‘700, mobili d’epoca e uno splendido salone per ricevere gli ospiti. I bagni, completamente realizzati in marmo, offrono tutti i comfort, come vasca da bagno o doccia con bagno turco integrato e idromassaggio.

 .
4_Relais_Santa_Croce_Suite_CR.MOREAU
.
1_Relais_Santa_Croce_Deluxe_Room_CR.MOREAU
 .
6_Relais_Santa_Croce_Suite_Da_Verazzano_Suite_CR.MOREAU
 .
3_Relais_Santa_Croce_Junior_Suite_CR.MARETTI
.
7_Relais_Santa_Croce_Suite_Da_Verazzano-bathroom_CR.MOREAU
.
 Relais_Santa_Croce_Guelfi&Ghibellini_Restaurant_CR.MOREAU
 .
1_Relais Santa Croce_Entrance_CR.MOREAU
.
0 0 1248 25 ottobre, 2015 Eventi, Flash News ottobre 25, 2015
Stefania Guernieri

About the author

Stefania Guernieri è giornalista professionista ed esperta di comunicazione e social media. Nata come cronista nelle redazioni dei quotidiani, si è occupata di cronaca nera e cronaca giudiziaria per oltre 10 anni, oggi scrive come freelance per varie testate giornalistiche di sana alimentazione, sport, politica e cultura. Ha esperienze in uffici stampa e gestione eventi ed ha curato l'organizzazione di manifestazioni legate al settore enogastronomico. E' direttore responsabile de l'Empovaldo e membro di Arga Toscana, l'associazione di giornalisti esperti in agricoltura, ambiente, territorio, agroalimentare, pesca, foreste, energie rinnovabili. Su Tis scrive per passione. Per contattarla scrivi a: stefania.guernieri@tismagazine.com

View all articles by Stefania Guernieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Comments

Più popolari

Translate »