A Trento i Mercatini regalano il meglio dell'artigianato locale

Traduci pagina

A Trento i Mercatini regalano il meglio dell’artigianato locale
Posted by

A Trento i Mercatini regalano il meglio dell’artigianato locale

Le 90 casette dei Mercatini di Natale di Trento si trovano in piazza Fiera e piazza Battisti con il meglio dell’artigianato e dell’enogastronomia locale in esposizione fino al 6 gennaio con orario il 4 gennaio fino alle 23 e gli altri giorni fino alle 19.30 e 20.30. Si tratta di un mercatino green con energia elettrica interamente prodotta dalla centrali idroelettriche delle Dolomiti, inoltre si utilizzano solo stoviglie lavabili o compostabili per ridurre al minimo i rifiuti. Per arrivare a Trento poi, si può comodamente utilizzare il treno con fermata che dista a soli 5′ a piedi dal centro. La città ha ancora le tracce del periodo romano con ben visibili nello spazio archeologico sotterraneo (Sass) di piazza Cesare Battisti e nella Basilica Paleocristiana rari esempi di urbanistica romana. Altrimenti si può visitare il Castello del Buonconsiglio, il museo Diocesano Tridentino e il Muse Museo delle Scienze con tante iniziative culturali e didattiche per grandi e piccini.

A quindici minuti da Trento si trova la Valle dei Laghi, dove la protagonista è l’acqua e il clima è gradevole tutto l’anno favorendo un paesaggio mutevole scandito da una vegetazione alpina che lascia il posto a quella mediterranea in un’alternanza fra rilievi, distese di frutteti e vigne, boschi, laghetti e castelli. Proprio in questo luogo si trova il Borgo di Massenza considerato la “culla della grappa artigianale” e dove l’arte distillatoria è una tradizione centenaria di famiglie intere. Basta pensare che fino agli anni ’80 erano ben 13 le distillerie presenti e oggi ne sono rimaste 5 tutte con prodotti di grande qualità che vanno dalle grappe classiche ricavate da vinacce locali e trentine, grappe con infusione di erbe, liquori a base di grappa e distillati di frutta. Facendo visita in questo luogo si possono seguire tutte le fasi della lavorazione della grappa ascoltando il racconto dei maestri e della separazione della materia leggera da quella pesante.

Tra le molte scelte enogastronomiche da assaggiare canederli, polenta, formaggi locali, il famoso Tortel di patate, le zuppe calde e il tipico orzotto trentino, oppure il Brezel farcito, la treccia mochena e Strauben dolce tipico trentino con impasto dolce di farina, latte, uova, zucchero e lievito, che viene fritto e servito con zucchero a velo e marmellata di mirtillo rosso.

0 0 1209 13 Dicembre, 2019 Flash News, Viaggi 13 Dicembre, 2019

About the author

Stefania Guernieri è giornalista professionista ed esperta di comunicazione e social media. E' speaker e cura trasmissioni su eventi legati al mondo dello sport (motori, atletica, triathlon, ciclismo) e dell'enogastronomia. Nata come cronista nelle redazioni dei quotidiani, si è occupata per oltre 10 anni di cronaca nera e cronaca giudiziaria, oggi scrive come freelance per testate giornalistiche di sport, food & wine, turismo, eventi, ambiente e territorio. Ha lavorato anche nella comunicazione politica in occasione di campagne elettorali. Diplomata sommelier Ais, già responsabile dell'ufficio stampa di Slow Food Toscana, ha curato la gestione ed organizzazione di eventi legati al settore enogastronomico. E' segretaria di Arga Toscana, l'associazione di giornalisti esperti in agricoltura, ambiente, territorio, agroalimentare, pesca, foreste, energie rinnovabili che fa capo a Unarga. E' membro del consiglio direttivo dell'Associazione Stampa Toscana, e di USSI Toscana (Unione Stampa Sportiva Toscana) e fa parte della Commissione pari opportunità della FNSI. Per contattarla scrivi a: stefania.guernieri@tismagazine.com

View all articles by Stefania Guernieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Comments

Più popolari

Translate »