Traduci pagina

“Ti racconto la mia guerra” a Sinalunga
Posted by

“Ti racconto la mia guerra” a Sinalunga

La guerra è una gran fregatura. Perdono tutti, anche chi vince”.

Inizia così, con le parole del partigiano Mario Casagrande di Spello, il nuovo concerto/spettacolo, “Ti racconto la mia guerra” che debutta sabato 25 aprile a Sinalunga (Siena), per la ‘tre giorni’ organizzata da Arci Ponti di Memoria e Anpi in occasione del 70° anniversario della Liberazione.

In scena ci saranno Tiziana Di Masi, attrice di teatro civile, e la band Il Parto delle Nuvole Pesanti, per un originale format artistico, che unisce racconto e musica, dedicato alle storie dei partigiani ancora in vita. I protagonisti di quelle stesse storie saranno presenti in sala per ricevere l’omaggio del pubblico.

Tiziana Di Masi, tuttora in scena con gli spettacoli Mafie in pentola. Libera Terra, il sapore di una sfida (dedicato alle eccellenze enogastronomiche ottenute dai terreni confiscati alle mafie) e Tutto quello che sto per dirvi è falso (primo spettacolo di teatro civile ad affrontare l’emergenza contraffazione), ha ideato il progetto assieme al giornalista Andrea Guolo, autore dei testi, per recuperare la quotidianità della Resistenza attraverso i ricordi di alcuni testimoni delle battaglie tra i monti e le colline dell’Italia centrale nel 1944.

Abbiamo raccolto – racconta l’attrice – storie di persone ‘normali’ finite loro malgrado nel mezzo della peggior guerra possibile, costretti a convivere con l’atrocità delle truppe naziste supportate dalle milizie fasciste formate dai loro stessi compaesani. Persone che hanno reagito con una precisa scelta: lottare, ognuno alla sua maniera, per la libertà e per il futuro dei loro figli. Nello spettacolo abbiamo eliminato ogni retorica per dare spazio alla vita quotidiana, agli affetti conquistati e persi, alle speranze e alle delusioni degli anni successivi”.

La scelta di collaborare con Il Parto delle Nuvole Pesanti è stata, secondo Tiziana Di Masi, la “naturale conseguenza” dell’impegno di entrambi sul versante artistico della lotta alle mafie, a partire dall’utilizzo dei beni confiscati come risorsa e come reale fonte di sviluppo socio-economico dei terreni oggi affidati alla nuova Resistenza delle cooperative di Libera Terra.

Ti racconto la mia guerra” è stato concepito come un format con l’obiettivo di essere replicato non solo in Toscana e Umbria, zone dove si concentrano le storie dei partigiani raccolte per l’occasione, ma anche per occasioni speciali nel resto d’Italia, inserendo nuove storie legate ai territori della rappresentazione. “È necessario – conclude Di Masi – recuperare il valore della memoria storica utilizzando il teatro e la musica esattamente come si utilizzavano in passato, quando le storie venivano raccontate e musicate affinché fossero apprese dalle nuove generazioni. È questa, a mio parere, una delle formule più efficaci per imparare dal passato a costruire il futuro”.

Ti racconto la mia guerra” debutta il 25 aprile 2015 al festival “La città dei narratori”, Tenuta la Fratta, Sinalunga (Siena), con inizio alle ore 21. Ingresso libero.

 

Sempre Tiziana Di Masi, stavolta insieme ad Andrea Guolo, autore e giornalista, saranno premiati giovedì 23 aprile a Milano nel corso della serata organizzata al teatro Dal Verme per il 70° anniversario della Liberazione, “per l’impegno civile sulle nuove Resistenze” (inizio ore 21, ingresso libero).

Il premio, “Ponti di memoria per l’impegno civile”, è destinato a personaggi o entità che si sono distinte nel recupero della memoria e nella sua trasmissione alle nuove generazioni. Tra i premiati, oltre a Di Masi e Guolo, compaiono gruppi musicali come Gang e Settegrani, solisti come Massimo Priviero e Gaetano Liguori, lo scrittore Antonio Scurati, l’emittente radiofonica Radio Popolare e altri ancora.

La cerimonia, presentata da Daniele Biacchessi, è organizzata dall’associazione Arci Ponti di Memoria e da Mei – Meeting delle Etichette Indipendenti, ed è patrocinata dal Comune di Milano (assessorato alla Cultura), che l’ha inserita tra gli eventi ufficiali del 70° anniversario della liberazione dal nazifascismo, “Milano capitale della Resistenza”.

Il percorso artistico di Tiziana Di Masi è iniziato quindici anni fa proprio affrontando le tematiche legate al recupero della memoria storica, con spettacoli come “Libertà – Appennino Bolognese, 1944-45” dedicato alla Resistenza e alle memorie partigiane, e “Olocausto”, continuando successivamente con l’approfondimento del fenomeno mafioso e il racconto dell’esperienza di Libera Terra, che rappresenta una nuova forma di Resistenza allo strapotere delle mafie e un reale successo dell’antimafia quotidiana. Nella sua carriera, il ponte tra memoria e attualità non si è mai interrotto.

È così che, alle tournée tuttora in corso di “Mafie in pentola” (premio Cultura contro le mafie 2014, premio Carlo Alberto Dalla Chiesa 2014) e di “Tutto quello che sto per dirvi è falso”, primo spettacolo di teatro civile sull’emergenza contraffazione, si affiancherà nei prossimi giorni la “prima” nazionale di un nuovo lavoro interpretato da Tiziana Di Masi, accompagnata dalla band “Il parto delle nuvole pesanti”, su testo di Andrea Guolo.

Ti racconto la mia guerra”, questo il nome scelto per il concerto-spettacolo che debutterà sabato 25 aprile 2015 a Sinalunga (Siena) nel corso del festival “La città dei narratori” (24-26 aprile, Tenuta la Fratta, ingresso libero), è l’esito delle testimonianze raccolte quest’anno dai partigiani ancora in vita, che hanno dipinto un quadro della loro quotidianità durante l’occupazione nazifascista, raccontando le motivazioni che li spinsero a “salire in montagna” e i loro sogni, successivamente traditi, fino al timore dell’oblio e del revisionismo che incombe.

Info su:

http://pontidimemoria.it

www.tizianadimasi.it

www.tuttofalso.org

0 0 1124 22 Aprile, 2015 Flash News, Spettacoli Aprile 22, 2015
Stefania Guernieri

About the author

Stefania Guernieri è giornalista professionista ed esperta di comunicazione e social media. Nata come cronista nelle redazioni dei quotidiani, si è occupata di cronaca nera e cronaca giudiziaria per oltre 10 anni, oggi scrive come freelance per varie testate giornalistiche di sana alimentazione, sport, politica, food & wine. Sommelier Ais, ha esperienze in uffici stampa e gestione eventi ed ha curato l'organizzazione di manifestazioni legate al settore enogastronomico. E' direttore responsabile de l'Empovaldo e segretaria di Arga Toscana, l'associazione di giornalisti esperti in agricoltura, ambiente, territorio, agroalimentare, pesca, foreste, energie rinnovabili che fa capo a Unaga. Per contattarla scrivi a: stefania.guernieri@tismagazine.com

View all articles by Stefania Guernieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Comments

Più popolari

Translate »