Modartech presenta “Juliet Morris Couture”

Traduci pagina

Modartech presenta “Juliet Morris Couture”
Posted by

Modartech presenta “Juliet Morris Couture”

Giovedì 5 giugno alle 18 all’Antica Profumeria Monalys, in via Maggio 13r, la prima collezione di Pamela Baldini, aspirante stilista che ha seguito il corso “Fashion Design Job Master”.

image

Giovedì 5 giugno alle ore 18 presso l’Antica Profumeria Monalys, in via Maggio 13r a Firenze, debutterà la prima collezione di Pamela Baldini, aspirante stilista che ha seguito il percorso formativo di Modartech LAB nell’ambito del corso “Fashion Design Job Master”.

Quest’ultimo è un progetto formativo che ha fornito alla giovane designer competenze specialistiche in ambito stilistico, grafico, produttivo, retail e di comunicazione. Il percorso tracciato da Modartech LAB ha come fine ultimo quello di consentire alle future designer di fare esperienza, ma soprattutto di avere la possibilità di entrare a far parte da protagonista nella filiera del Fashion System.

Il caposaldo della nuova collezione sarà il mood “New Romantic”, ovvero una collezione che si basa sul contrasto fra tessuti leggeri ed eterei e strutture rigide. I colori sfumati ed i motivi floreali influenzati dall’ “Art Nouveau” creano un’atmosfera onirica e atemporale, caratterizzata da una combinazione di influenze provenienti dall’immaginario e dal passato.

I capi “Juliet Morris Couture” sono rigorosamente sartoriali, confezionati interamente e non mirano a seguire le consuetudini commerciali delle stagione della moda, ma provano a dare libero sfogo alla voglia di inventare forme nuove e di sperimentare tecniche nuove, mantenedo sempre il segno del più autentico Made in Italy. Infine ogni capo della collezione è dedicato principalmente a donne romantiche dalla forte personalità e a donne che lottano per i propri ideali e la propria indipendenza.

 

Alessandro Bruschi

0 0 1187 27 maggio, 2014 Moda maggio 27, 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Comments

Più popolari