Benvenuto Brunello, a Montalcino la 26ª edizione per presentare l'annata 2013, la Riserva 2012 e il Rosso 2016

Traduci pagina

Benvenuto Brunello, a Montalcino la 26ª edizione per presentare l’annata 2013, la Riserva 2012 e il Rosso 2016
Posted by

Benvenuto Brunello, a Montalcino la 26ª edizione per presentare l’annata 2013, la Riserva 2012 e il Rosso 2016

In aumento il giro d’affari del settore vitivinicolo a Montalcino con 180 milioni di euro del 2017,  erano 170 milioni nel 2016

Venerdì 16 e sabato 17 febbraio la 26° edizione di “Benvenuto Brunello”, in cui si presentano il Brunello di Montalcino 2013, la Riserva 2012, il Rosso di Montalcino 2016, il Moscadello e Sant’Antimo.

Come ogni anno “Benvenuto Brunello” rappresenta anche l’occasione per tirare le fila sull’andamento, in termini di produzione, export e fatturato, delle denominazioni del Consorzio e di tutto il territorio montalcinese. Il 2017 si presenta come un anno all’insegna della stabilità: confermato il dato sulle esportazioni, che si attesta sul 70% della produzione totale. A trainare il mercato sono i paesi target di USA (oltre 30%), seguiti da Europa (con UK, Germania e Svizzera in testa) al 20%, i mercati asiatici (Cina, Giappone, Hong Kong ecc.) che realizzano il 15%, il Canada (12%) e il centro e sud America (8%). Il restante 15% è occupato dagli altri mercati. Stabile anche la produzione: 9.010.369 le bottiglie di Brunello imbottigliate nel 2017 (0,65% in meno rispetto al 2016), e 4.617.384 quelle di Rosso (-0,34% rispetto all’anno precedente). Stabili anche Sant’Antimo (250mila bottiglie) e Moscadello (40.000 bottiglie). In aumento rispetto all’anno scorso il giro d’affari del settore vitivinicolo a Montalcino, che quest’anno ammonta a 180milioni di euro (erano 170milioni nel 2016). Stabile il valore stimato di 1 ettaro di vigneto a Montalcino, che si attesta sui 700.000 euro, con una rivalutazione, in appena mezzo secolo, del 4.405% (fonte Winenews). Continuano ad aumentare infine i flussi turistici nella città: quest’anno il numero di visitatori a Montalcino ha superato 1.500.000 persone (+25% rispetto al 2016, quando erano stati 1.200.000 visitatori), con oltre 150mila pernottamenti (+11%).

Insieme ai vini, protagonisti assoluti del nostro evento – ha commentato il presidente del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino Patrizio Cencioniquest’anno abbiamo voluto dedicare ampio spazio alla riflessione sul futuro del vino e del mercato insieme ai massimi esperti del settore dell’e-commerce mondiale, a giornalisti e meteorologi. Abbiamo poi voluto ampliare l’offerta rivolta agli appassionati di vino che dall’anno scorso sono invitati a partecipare alla nostra anteprima, proponendo loro quattro seminari di approfondimento e curiosità sulle nostre denominazioni. Fermo restando che le degustazioni restano il cuore e l’anima di Benvenuto Brunello, abbiamo voluto dare una nuova impronta all’anteprima perché, se è vero che il mondo del vino sta cambiando, anche le manifestazioni ad esso collegate devono evolversi”.

Tra gli appuntamenti anche un interessante dibattito con Luciano Ferraro di “divini.corriere.it”, Manfredi Minutelli, responsabile food & wine di Alibaba, Andrea Nardi Dei, fondatore di Vino75, e Marco Magnacavallo, CEO di Tannico sull’incidenza dell’e-commerce sul mercato mondiale del vino.

Stando alla ricerca presentata da Tannico, market leader per il vino online in Italia, il Brunello è tra i rossi il secondo più comprato in rete, ma si colloca al primo posto se si considera il segmento dei vini ultra-premium e luxury (quelli cioè da oltre 25 euro a bottiglia). Proprio i consumatori italiani di questa fascia alta di prodotto sono aumentati del 30% dal 2016 a oggi. Interessante infine notare come i clienti che hanno acquistato Brunello online nel 2017 hanno speso il 70% del loro budget annuale, che si attesta sui 560 euro, in vino rosso e bollicine, soprattutto Champagne.

Nello stesso contesto l’Associazione Nazionale Città del Tartufo, che annunciato l’avvio del percorso di candidatura a patrimonio immateriale UNESCO della “cerca e cavatura del tartufo in Italia: conoscenze e pratiche tradizionali”. La volontà dell’associazione è testimoniare la presenza e preservare l’insieme di valori, il mondo tradizionale e la cultura che uniscono i territori e le comunità legate al tartufo. Tartufo come cultura e non solo come prodotto pregiato della terra. “La nostra presenza in un contesto di eccellenza – ha commentato Michele Boscagli, presidente dell’Associazione – serve per allargare la platea dei conoscitori e rilanciarla in un contesto nazionale e internazionale come quello che offre Benvenuto Brunello”.

Gli incontri di oggi – ha commentato Patrizio Cencionici rendono sempre più consapevoli che soltanto facendo leva sulla grande risorsa che è il nostro territorio, il suo sviluppo e la sua tutela, sia dal punto di vista del prodotto sia da quello della crescita di tutto ciò che sta intorno al vino, che si possono vincere le sfide che il nuovo ci mette davanti e che il Consorzio è pronto a cogliere”.

Sabato 17 febbraio incontro con il meteorologo Paolo Sottocorona, l’esperto Robert Camuto di Wine Spectator e alcuni giovani produttori montalcinesi su prospettive e proposte sulle nuove modalità di viticoltura alla luce dei cambiamenti climatici in atto.

Il convegno chiuderà il consueto programma del sabato di Benvenuto Brunello che prevede l’assegnazione dei premi Leccio d’Oro, la presentazione delle stelle alla vendemmia 2017 e lo svelamento della formella celebrativa dell’annata che quest’anno vede protagonisti il celebre artista Sting e la moglie Trudie Styler.  E proprio su questo riconoscimento Sting e Trudie hanno commentato: Un vino è come una bella storia raccontata nelle canzoni. Parla della storia di coloro che l’hanno creato, se ne sono presi cura e hanno coltivato la terra da cui è nato. È il racconto di chi ha contribuito al suo sviluppo, dalla vite alla botte fino alla bottiglia in cui è custodito con amore fino a quando non sarà aperta. Il vino tornerà così a cantare e potrà essere ascoltato e apprezzato da tutti coloro che lo amano. Questa è la nostra storia e la nostra canzone che siamo felici di condividere con voi”.

La piastrella raffigura una chitarra stilizzata, quasi eterea, tracciata su uno sfondo naturale di tramonto in Toscana, a testimonianza del legame profondo tra questa terra, la sua luce e la musica.

Ci rende sempre molto orgogliosi quando grandi personaggi di fama internazionale accettano il nostro invito a cimentarsi in un’esperienza così diversa dall’ambito a cui sono abituati – ha commentato il presidente del Consorzio Patrizio Cencioni. Fino a questo momento il mondo della musica era per noi inesplorato e siamo fieri di averlo scoperto attraverso l’arte, la sensibilità e l’amore per la nostra terra di due persone straordinarie come Sting e Trudie”.

La formella è un omaggio alla vendemmia di quest’anno, che è stata giudicata a 4 stelle. Gli esperti che l’hanno valutata sono unanimi nel sostenere di quanto quest’anno più che mai sia stato fondamentale il lavoro dei viticultori e degli enologi, tanto in vigna quanto in cantina. In base alla loro esperienza, vignaioli ed enologi hanno lavorato prima sulla pianta, per proteggerla dagli stress idrico, termico e solare, poi sulle uve per interpretarle e conferire al prodotto la propria identità. Gli esperti sono concordi nel prevedere un’annata di vini potenti e destinati a un lungo e lunghissimo invecchiamento.

0 0 218 15 febbraio, 2018 Flash News, Vino febbraio 15, 2018
Stefania Guernieri

About the author

Stefania Guernieri è giornalista professionista ed esperta di comunicazione e social media. Nata come cronista nelle redazioni dei quotidiani, si è occupata di cronaca nera e cronaca giudiziaria per oltre 10 anni, oggi scrive come freelance per varie testate giornalistiche di sana alimentazione, sport, politica e cultura. Ha esperienze in uffici stampa e gestione eventi ed ha curato l'organizzazione di manifestazioni legate al settore enogastronomico. E' direttore responsabile de l'Empovaldo e membro di Arga Toscana, l'associazione di giornalisti esperti in agricoltura, ambiente, territorio, agroalimentare, pesca, foreste, energie rinnovabili. Su Tis scrive per passione. Per contattarla scrivi a: stefania.guernieri@tismagazine.com

View all articles by Stefania Guernieri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook Comments

Più popolari

Translate »